Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Chávez annuncia l’aumento dei salari: +32,25%

martedì, aprile 10, 2012

Chávez annuncia l’aumento dei salari: +32,25%
9 aprile 2012 - http://www.voce.com.ve
CARACAS – Lo stipendio minimo, dal mese di settembre in avanti, sarà di 2047,52 bolívares. Se a questi, poi, si aggiungono i ‘cestatickets’, i lavoratori allora riceveranno in pratica almeno 3 mila bolívares, circa 689,06 dollari. La decisione è stata resa nota dallo stesso presidente della Repubblica, Hugo Chávez Frías, durante l’ultimo Consiglio dei Ministri, trasmesso a rete unificate.
Il capo dello Stato ha affermato che l’aumento del salario minimo sarà del 32,25%. Subito, già dal primo maggio, i lavoratori riceveranno un incremento del 15%; il resto lo avranno dal primo settembre in poi. Il presidente Chávez, nel commentare la decisione, ha detto che l’aumento favorirà circa 4 milioni di lavoratori che riceveranno il salario più alto in tutta l’America latina.
Il capo dello Stato, poi, ha fatto riferimento alla riforma della Legge sul Lavoro. Ha affermato che ancora sta ricevendo suggerimenti circa le prestazioni sociali, la durata della settimana lavorativa, e la stabilità nel lavoro. Ha detto che si analizza ogni elemento per approvare una riforma giusta, equilibrata che permetta la stabilità nel lavoro e la protezione dei diritti del lavoratore. Ha chiesto, quindi, ai venezolanio di aver pazienza, visto quanto sia delicata la materia.
Gli annunci sono stati fatti momenti prima che il presidente Chávez salisse sull’aereo diretto a La Habana per sottoporsi ad un nuovo ciclo di radioterapia.
Si attendono le reazioni dei rappresentanti dell’industria privata. La decisione del presidente Chávez, che non coglie nessuno di sorpresa, arriva in un momento particolarmente difficile per le aziende del Paese colpite dalle difficoltà dell’economia mondiale e nazionale.

Topics: , ,

Cerca un articolo, una categoria o altro nel blog

Loading
Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

ULTIME NOTIZIE

Progresso o regresso?

Share (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Pièces et main d’œuvre «Resta inteso che ogni

Read More

La Sentenza della Corte Internazionale di Giustizia del 1938 svela il gioco sporco del governo italiano

Share (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Lunedì,  Luglio 21st/

Read More

Renzi come Letta e Monti, il debito continua a battere record

Share (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  Capire davvero la crisi | di Mario Grigoletti Il

Read More

La Germania è più “indebitata” di noi

Share (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Da Bye Bye Uncle Sam Esiste un’oligarchia di criminali

Read More

Il mondo 70 anni dopo gli accordi di Bretton Woods

Share (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); 70 anni fa nella città americana di

Read More